Questa democrazia non basta: riflessioni…

| ,

Quello che segue è il commento ad un post di Alessandro Bottoni: per evitare di riportare integralmente, per favore, leggete:

http://leparolealvento.wordpress.com/2006/02/16/questa-democrazia-non-basta/

Praticamente o vuoi creare due classi sociali, gli idioti e i geni, oppure ritorni alle nostre due camere.

L’ONU è già in certo qual modo incaricato a vigilare affinchè le operazioni di voto si svolgano liberamente.

Non vedo quindi grosse novità nella proposta di Bottoni: per essere eletti alla camera o al senato devi avere una certa età e una assemblea dovrebbe correggere gli eventuali errori dell’altra.

In teoria per mettere mano alle regole basilari della nostra Repubblica, la Costituzione, ci dovrebbero essere maggioranze qualificate cioè 2/3 degli eletti e non maggioranze semplici.

No, credo che la nostra democrazia sia il meno peggio dei meccanismi di governo.

Oltretutto ci sono “poteri” che dovrebbero essere di controllo, uno è la Magistratura, che non è eleggibile mentre lo è il suo organo di controllo, il CSM.

La Magistratura, che sembra avercela col Presidente del Consiglio, ha appurato che ha commesso reati e se non lo ha condannato è solo perchè sono trascorsi i termini.

La stessa Magistratura, se in errore, ha il suo organo di controllo che provvederebbe a correggere l’eventuale errore.

Il problema non sono gli organi di controllo equilibrati tra loro e indipendenti è che ci siamo dimenticati che lo Stato siamo noi e chi ci governa lo dovrebbe fare nel nostro interesse.

Davvero non ho mai capito perchè chi è condannato penalmente non può concorrere ad occupare posti (di lavoro) pubblici ma può essere eletto in parlamento. Sarebbe buona cosa che si legiferasse in modo da impedire a chiunque abbia commesso reati di presentarsi tra l’elettorato passivo.
Altra cosa fondamentale è far si che chi viene eletto sia scelto liberamente fra i cittadini e non come adesso che ti ritrovi in parlamento rappresentanti esclusivamente indicati dai partiti (partitocrazia).

La democrazia, come concetto diffuso e non come definizione (non ne ha), penso sia il governo della maggioranza fatta salva la possibilità di diventare minoranza qualora i cittadini lo decidessero.

Così come stiamo incamminandoci arriveremo solo a delegare ad altri il nostro futuro senza nessuna responsabilità diretta, cosa fondamentale per la democrazia.

Autore: [email protected]

Precedente

Speriamo che l’Unione…

Software innovativi dal Web 2.0: Meebo

Successivo

Resta sempre aggiornato!

Elaborazione in corso...
Fatto! Sei nell'elenco.
it_ITItalian