Compiliamo PDF online: PDFfiller

|

Capita sempre più spesso di dover riempire un modulo in PDF da utilizzare per esempio per una domanda, una richiesta, un certificato.

Se non si possiede un editor PDF, si deve scaricarlo, stamparlo, riempire i campi desiderati, magari scannerizzarlo e in seguito spedirlo.

Il Web, con le sue nascenti applicazioni, ci da una grossa mano…

Se desiderate compiere questi passi direttamente da internet, allora PDFfiller fa al caso vostro.

PDFfiller, da la possibilità di uploadare il pdf che ci interessa compilare (oppure è possibile farlo da pdf già presenti in rete), e di modificarlo proprio come faremmo con una macchina da scrivere virtuale. In seguito il documento è pronto per la stampa, il download, l’invio…

E’ necessario specificare, però che il servizio non permette di “modificare” il contenuto del PDF (ad es. cancellare determinate righe) ma di “compilare” (scrivendo sopra) quei documenti che lasciano gli spazi bianchi per la compilazione.

Ancora una volta dobbiamo riconoscere un servizio web che ci semplifica la vita…

Aggiornamento
Il servizio è diventato a pagamento… sotto il form di upload dei files, campeggia la scritta:

“NOTE: You will be asked to pay $1.99 before you can Print, Email or Save your Form as an image.
Money back guarantee.”

Precedente

Incontro ComEduDida 2007

Messaggi di Portage sotto controllo

Successivo

Resta sempre aggiornato!

Elaborazione in corso...
Fatto! Sei nell'elenco.

4 commenti su “Compiliamo PDF online: PDFfiller”

  1. bella bufala , peccato che non dici che il servizio è a pagamento, a sto punto uno si compra adobe completo e si fa tutti i documenti che vuole!!!
    complimenti per la trasparenza
    puah

    Rispondi
  2. @Luca
    Come avrai modo di notare, l’articolo è stato scritto il 26 Aprile 2007 e, in quella data, il servizio non era a pagamento.
    Perchè al posto di attaccare, accusarmi di mancata trasparenza, e screditare l’articolo, non parti con uno spirito propositivo e mi segnali che il servizio è diventato a pagamento?
    E’ questione di rifletterci 2 secondi prima di partire in quarta…
    Ad ogni modo provvedo a correggere l’articolo.

    Rispondi

Commenta